mercoledì 30 dicembre 2015

CREMA DOLCE INVERNO


 Buon pomeriggio a tutti!


L'inverno in generale a me non piace, ma qualcosa da salvare ce lo troviamo. Ad esempio la zucca e i cachi. Se ci mettiamo anche il caldo avvolgente e scoppiettante di un camino e un bel cagnolino che si fà fare le coccole.. Anche questa stagione risulterà quasi gradevole!



 Qualche tempo fà ho provato a mischiarli ed è venuta fuori una cosa buonissimissima.
Una crema dolce ... che mi ricorda la chantilly.

Per farla occorre :

- la polpa di zucca lessata (meglio se al forno o al vapore .. non bollita) di quelle belle sode e saporite come la delica
- qualche caco maturo

I dosaggi li decidete voi a seconda che vogliate una crema più "solida" da mangiare al cucchiaio tipo budino (allora più zucca e meno caco)... O più morbida per ricavarne una farcia per un dolce ad esempio il tiramisù (più caco e un pò meno zucca).

Si frullano i due ingredienti ed è già buonissima e dolcissima così; senza null'altro.
Ma se volete variare sul tema io ho provato ad aggiungere cacao, vaniglia, caffè solubile,carruba in polvere .... uno più buono dell'altro! E chissà quante combinazioni ci sono ancora !!

Con questo post saluto il 2015, un anno davvero impegnativo...




sabato 19 dicembre 2015

PIZZA CON LIEVITO MADRE

Ciao a tutti!
E' passato un secolo dall'ultimo post eppure tra una cosa e l'altra non mi sono nemmeno accorta del tempo che è scivolato via. Letteralmente . Mi scuso con tutti coloro che seguono il blog.

Tornando all' utilità del post (si spera eh) oggi vi do la ricetta che trovo perfetta per una pizza alta e focacciosa (non che non si possa utilizzare anche per quella bassa.. ma alta.. beh è paradisiaca).
 Ho provato davvero tante versioni, anche cambiando piccoli dettagli.
E sono arrivata qui:


Ricetta per una pizza da 22/25 cm di diametro.

- 70 gr di lievito madre
 (lo rinfresco sempre il giorno prima)
qui la ricetta che ho seguito io per far nascere la mia pagnotella di lievito madre.

-150 gr tra acqua frizzante e latte vegetale
(di solito metà e metà, ottimo il latte d'avena).

- 1 cucchiaio di malto o zucchero di canna

- 250 gr di farina
 (dopo vari mix, sono arrivata a una mistura in parti uguali di integrale e semola di grano duro. Superba anche con quella di kamut).

-1 cucchiaio di olio evo

- opzionale un pizzico di sale
(la preferisco 'sciapa', il sale magari lo aggiungo alla fine).


Sciolgliamo il lievito madre (magari con l'aiuto del mixer a immersione) nell'acqua e latte veg, aggiungiamo lo zucchero e pian piano la farina. Ogni farina assorbe a modo suo e ora dovrete regolarvi ad occhio, l'impasto dovrà risultare abbastanza morbido ed elastico.
Aggiungiamo anche l'olio evo. Impastiamo per bene qualche minuto.

Ora facciamo tre serie di pieghe, allungando un lato per volta, richiudendo, senza schiacciare mai l'impasto, lasciamo riposare una ventina di minuti e riprendere con la seconda piegatura.. e così via.

Stendiamo l'impasto nella teglia (ben oleata o con carta forno), avvolgiamo con la pelliccola o con un panno umido e mettiamo nel frigo una notte (ho letto che c'è chi protrae l'operazione anche per una giornata intera).

Estraiamo la teglia la mattina seguente, posizioniamola in un posto tiepido e lasciamo riposare- lievitare tutto il giorno.

Ora togliamo la pellicola e non ci rimane che condire la nostra pizza, porla nel forno caldo a 200°C nel ripiano più basso per una ventina di minuti.
Consiglio poi di mettere 5 minuti in modalità grill nel piano più alto, a maggior ragione se avete messo un vegformaggio che fonde.

Buona pizzata!