sabato 30 maggio 2015

TORTA DI MELE "AL CUCCHIAIO"

Buonasera a tutti!

Oggi condivido una ricetta molto semplice (e molto buona) che mi sono ritrovata a preparare più volte. Unica particolarità : non usiamo la bilancia come unità di misura ma il cucchiaio.



Dosi per una torta da 20/25 cm di diametro :

- 4 cucchiai colmi di farina
- 1 cucchiaio di zucchero di canna
- 2 cucchiai d'olio
- mezza bustina di lievito per dolci o una punta di cucchiaio di cremor tartaro
- latte vegetale, succo di frutta o acqua
- 3 mele piccole tagliate a fettine sottili
- aromi a piacere (vaniglia, buccia di limone, cannella ... ecc)

- marmellata (opzionale)
- cannella (opzionale)

Impastiamo (nel mio caso rigorosamente con le mani) farina, zucchero, agente lievitante, aroma a scelta,  olio e piano piano aggiungiamo il liquido che occorre (nel mio caso latte di riso) a formare una bella frolla compatta.

Stendiamo la pasta col mattarello dando una forma tondeggiante, adagiamo nella teglia e modelliamola avendo cura di sbordare leggermente sui lati. Bucherelliamo la superfice con una forchetta, stendiamo un velo di marmellata (omettibile .. io ho provato sia con che senza il risultato ovviamente cambia ma rimane comunque buono) e le fettine di mela.
Ripieghiamo il bordino verso l'interno (per contenere le mele), spolveriamo con lo zucchero e inforniamo per 20- 25 minuti a 200°C.
Sforno , lascio raffreddare un pochino e prima di servire per me è d'obbligo una bella nevicata di cannella.









 Ah quasi dimenticavo! 
Sono maturi i gelsi ^_^  ... Non ditemi che non li avete mai mangiati !





lunedì 11 maggio 2015

I SOLDI NON COMPRANO TUTTO

Oggi volevo scrivere il solito "post-ricettina"... Ma ... Cambio di programma; avverto sarò polemica e verbalmente aggressiva.

Ci sono tante ragioni per non comprare un animale, ma adottarlo.
La prima (e credo più importante) è che una vita non ha un valore economico quantificabile.. Si sceglie e si compra un soprammobile, un vestito o tutto al più una pianta, ma non una creatura!

Ho sentito l'altro giorno un a frase che  mi ha fatto gelare il sangue :
 "E ma quell'allevatore non è uno di quegli ufficiali.. Lo fà per passione."
Eh no, l'unica passione è quella dei soldi cari miei, Uno che ama l'animale (di qualunque specie o razza sia) non lo fà riprodurre in continuazione, non ne fà nascere sapendo perfettamente quanti senza casa ci sono e non ne da un prezzo con relativo tagliando di qualià. Non si lucra su chi si ama.

A tal proposito a noi del rifugio GLI ULTIMI è arrivata una richiesta d'aiuto la settimana scorsa da una ragazza della zona di Milano dicendo che possedeva alcuni ratti e non poteva più occuparsene per problemi economici.
Togliendo il fatto che quando entra nella tua vita un esserino tu devi esserci anche quando avrà più bisogno (salute compresa), al massimo cerchi di fare una colletta, ti impegni a raccogliere soldi con piccoli incontri benefit, fai lavoretti extra.. O i sacrifici valgono solo per scarpine e viaggetti?
Tagliando corto, ci siamo recati sul posto a recuperare i sei ratti malcapitati, tenuti in condizioni molto discutibili. Il giorno seguente visita veterinaria d'obbligo : rogna (trascinata da tempo) e stato di salute precario per diversi soggetti ( genealogia con deficit? malnutrizione? condizioni igeniche non idonee? ).
Come ciliegina sulla torta, veniamo a conoscena che il soggetto in questione (che per bontà personale definirò "la ragazza"), è un allevatrice amatoriale. A tal proposito ecco i suoi dati:

https://www.facebook.com/people/Mondo-Ratto/100007723905866


Una che vende vite anche a chi li usa per nutrire i serpenti, una che ha avuto animali altamente infetti e infettivi non curati per mesi, una che ci ha dato un ratto maschio con testicoli interni e atrofizzati che non si regge in piedi e lo ha deriso con un "non ce la fà" a montare le femmine, una che ci ha aspettato coi ratti in strada (una ratta in una scatola di cartone e gli altri in una sorta di trasportino pieno di urina fino alla maniglia), una che non ha capito nemmeno la gravità della cosa.

Io non mando accidenti alle persone, non fà per me e non serve poichè ho la certezza che la vita le regalerà quello che merita. Semini vento e raccogli tempesta.

Aggiungo solo che al rifugio ci sono tanti ratti con la propria storia che cercano un posto da chiamare casa, che merita una vita dignitosa.

http://www.gliultimi.org/